ARTE

Anche il naso vuole la sua parte

Arte e tendenze. Le esperienze olfattive conquistano il pubblico ed è il naso il nuovo ospite di riguardo nei musei.

Vista, tatto, udito, gusto… e finalmente anche olfatto! La rivincita dei nasi trova spazio nell’arte contemporanea, con l’elezione di questo senso a nuovo protagonista. E non serve andare a Parigi, dove tra accademie delle essenze, bar a parfum e musei con percorsi sensoriali di profumi, questo senso regna incontrastato, perché basta girare l’angolo di casa per incappare in un percorso sensoriale profumato. Dall’orto botanico di Brera, a Milano, dove appassionati e curiosi hanno annusato ampolle speciali in occasione dell’allestimento “Straordinario sentire: trilogia del profumo in tre atti”, al Muses-Accademia europea delle essenze, a Palazzo Taffini d’Acceglio (Savigliano,Cuneo) un museo internazionale che attraverso un percorso di olfattivo racconta la storia della profumeria, per arrivare nella capitale, dove la mostra Caravaggio Experience (al Palazzo delle Esposizioni fino a luglio) dove un percorso di proiezioni, musiche e fragranze fa rivivere in maniera singolare la storia del grande artista.
Insomma, ce n’è per tutti i gusti, anzi per tutti i nasi. Del resto lo diceva anche Al Pacino in Scent Of a WomanProfumo di donna che annusare è importante.

Previous post

Speciale Euro 2016: Ramona Bernhard e la sua Germania

Next post

Bellezze mediterranee: Manuela Arcuri