ARTECURIOSITÀ

Real Doll: le donne in silicone

L'incredibile documentario sulle Real Doll. Ecco come vengono fatte le bambole gonfiabili più richieste al mondo.

Non potevano che essere californiane le bambole più desiderate al mondo. Parliamo delle Real Doll, il giocattolo sessuale più richiesto di sempre. Ideate dallo scultore Matthew McMullen, è dal 1996 che questi piccoli capolavori ci tengono compagnia nei momenti più disparati. Quando ero adolescente mi è capitato di vedere un film che nell’incoscienza dei miei giovani anni avevo trovato “pallosissimo e inutile”, quel film si chiamava Lars e una ragazza tutta sua di Craig Gillispie. Lars era un ragazzo di 27 anni, un po’ introverso e timido e… bla bla bla. Per farvela breve il culmine del film arriva quando il protagonista presenta alla famiglia la sua nuova fidanzata, Bianca, una missionaria di origini brasiliane costretta su una sedia a rotelle. I genitori restano letteralmente di sasso e non riescono a parlare per l’intera serata. Non è che Bianca non gli piacesse, forse erano rimasti un tantino turbati dal fatto che fosse… una bambola in silicone.

All’inizio ero rimasto abbastanza perplesso ma poi, con la saggezza degli anni, ho capito. Chi non deciderebbe una donna bellissima, morbida, tonica e che ti dice sempre di sì?
Scherzi a parte, le Real Doll sembrano delle ragazze in carne e ossa. Al di là dell’aspetto, hanno un endoscheletro in PVC che permette le stesse posizioni di un essere umano, pesano circa 40 kg e le articolazioni sono in acciaio inossidabile… insomma sono sempre in forma perfetta non subiscono neppure gli acciacchi dell’età.

Dopo il boom dei primi anni sono stati realizzati diversi modelli, in grado di parlare e di chiudere gli occhi, fino alle versioni transessuali con una combinazione di organi sessuali, insomma ce n’è per tutti i gusti.

Il video qui sotto ci mostra come vengono realizzati questi “capolavori” così incredibilmente vicini alla realtà.

E non dite che al tatto cambia tutto perché se si continua così, nell’era del bisturi, tra qualche anno anche le donne vere saranno tutte in silicone.

Previous post

Un Caldo Natale

Next post

Bar Rafaeli: sensuali "evasioni"!