SCIENZA

Baciami piccina

Un paio di cose che forse non sapete sui baci

C’è chi fa prove col cuscino, chi si esercita allo specchio, tutti hanno tra i propri ricordi quello dell’esaltante sensazione del primo bacio. Oggi la tensione di quel goffo momento ci sembra quasi ingiustificata, ma in realtà in questo caso la saggezza dimora nei più giovani.
Non tutti sanno, infatti, che è proprio durante un bacio che le donne ci fanno il primo esame. Secondo alcuni studi circa il 66% delle signore ha dichiarato di aver interrotto una relazione perché il modo di baciare del partner non era soddisfacente. A quanto pare per il gentil sesso l’atto del baciare è anche un importante indicatore della salute di una relazione, mentre per noi, soliti “sempliciotti”, non è che il preludio a un’altra attività che ci sta più a cuore: il sesso.
Uomini e donne hanno anche gusti diversi, in fatto di baci. I maschi, per esempio, preferiscono che ci sia molta saliva, questo perché costituisce un veicolo di informazioni circa il livello ormonale del partner. Le donne, invece, fanno prevalere il loro bisogno di romanticismo.
In realtà, scientificamente parlando, un bacio è davvero un modo per scambiarsi informazioni importanti sul patrimonio genetico: informazioni olfattive, tattili e chimiche che danno indicazioni sulla “compatibilità”.
Inoltre, grazie allo scambio di batteri, tramite il bacio si crea un microbioma, ovvero un ambiente che caratterizzerà sempre la coppia e, più ingenerale, la famiglia.
Quando vi chiedono cosa avete in comunque con vostra moglie, potrete rispondere “i batteri”.
A questo punto non vi resta che passare alla prova pratica. Ricordatevi che non c’è una tecnica, basta sincronizzassi bene ed evitare i terribili “effetto centrifuga” o, peggio, “trivella”!

Previous post

Alexis Ren. Laguna Blu

Next post

Valeria Marini. Un buongiorno Stellare