CURIOSITÀ

Anno bisesto anno…

Perché l'anno bisestile è considerano un anno sfortunato?

Sapete come si fa a calcolare quando cadrà un anno bisestile? Basta prendere le ultime due cifre dell’anno e verificare che siano divisibili per 4 (per il 2016, per esempio, si prende il 16). Per gli anni secolari invece (es. 1600, 1900….) è necessario che siano divisibili per 400.
Il 29 febbraio infatti cade ogni 4 anni, e questo singolo giorno aggiuntivo consente di mantenere immutato il cadere delle stagioni. La spiegazione è semplice: la terra per compiere il suo giro impiega 365 giorni e un quarto, e per recuperare quel quarto ogni 4 anni viene aggiunto un giorno.
Una soluzione semplice e geniale, un’idea fortunata che risolve un sacco di problemi. Ma allora da dove arriva il detto “anno bisesto anno funesto”?
Le origini di questo detto popolare non sono ben chiare, probabilmente risalgono all’antica Roma, ma a quanto pare fanno parte solo della nostra tradizione. Nei paesi anglosassoni, per esempio, addirittura pare che un anno bisestile sia considerato un anno fortunato!
Noi abbiamo scelto di seguire quest’ultima credenza e ai pessimisti cronici, convinti che vedere il bicchiere mezzo vuoto sia l’unica soluzione, suggeriamo di seguire l’esempio della signorina nella foto: portatevi dietro un bel cornetto portafortuna e non pensateci più!

Previous post

Il vero motivo per seguire gli Oscar

Next post

Take a Break: Giochi di gruppo