CURIOSITÀ

Il “mito” dell’orgasmo femminile

Dimensioni, sensibilità, posizioni, parole, toccare... questi sono solo alcuni dei "miti" per dare piacere alle donne e farle arrivare al tanto discusso orgasmo femminile.

Molte donne non lo raggiungono, altre si, altre troppo in fretta ed infine alcune donne hanno più orgasmi nello stesso rapporto. I diversi studi fatti sull’orgasmo femminile portano tutti a conclusioni differenti. Ma nella realtà non si può che studiare dei “modi” che portino la donna ad avere l’orgasmo durante il rapporto. Su una cosa possiamo essere certi, una buona fetta del mondo femminile è in grado di raggiungere il piacere assoluto in un tempo breve, tutto sta anche da come viene svolto il rapporto, se durante la penetrazione ci sono altri fattori che stimolano il suo piacere. Spesso e volentieri quando penetrazione e carezze si combinano posso accelerare il fattore orgasmo rendendolo intenso da lasciarla quasi “stordita”. Arrivati a questo punto… quali sono i gesti che un uomo dovrebbe fare, quali sono i punti da toccare per farla “venire in fretta”? Purtroppo non c’è una risposta che sia sicura al 100%, ma possiamo consigliare alcuni aspetti: alcune donne preferiscono essere accarezzate sul seno (attenzione a non risultare un neonato che vuole essere allattato); altre donne preferiscono essere baciate con passione anche su collo e spalle (e per passione non intendiamo una sfilza di baci, provate a baciare sfiorandola con le labbra, facendo sentire il vostro respiro sulla sua pelle); ma, molto probabilmente, il vero segreto di un rapido orgasmo femminile è quello di toccarle il clitoride durante il sesso.

Si si, immaginiamo il vostro pensiero, è più facile a dirsi che a farsi. Dovuto anche dal fatto che le posizioni sessuali abituali (es. il missionario) richiedono l’utilizzo di una oppure entrambe le mani. È anche vero che ci sono uomini che si ritrovano in difficoltà a pensare ad altro, dopo i preliminari, mentre il rapporto è in pieno svolgimento. Un consiglio è quello di trovare nuove posizioni che permettano: 1) all’uomo di toccare il clitoride senza molta “fatica“; 2) alla donna di potersi in alcuni momenti auto stimolarsi. Non andiamo a sfogliare libri, il Kamasutra o navigare su siti porno per fantasticare e trovare l’idea… ecco qui di seguito tre posizioni che potrebbero esservi nuove e/o di aiuto…

La donna sopra

Una posizione, non troppo classica per l’obiettivo posto, dove la donna è più stimolata a raggiungere l’orgasmo velocemente e più intensamente. In questa posizione, oltre a rimanere in posizione eretta per la massima penetrazione, la donna può muoversi liberamente, inarcare la schiena, muoversi indietro e mantenere sempre il contatto con la base del pene, o regione pubica. In questo modo si è in grado di controllare l’intensità della penetrazione, il ritmo e la profondità in modo da sfiorare e stimolare, con la zona pubica dell’uomo, il clitoride della donna.

Arco

Allineamento coitale

Il nome già parla da solo, ci rende l’idea e in parte ci fa già capire di cosa stiamo parlando, ma attenzione non si tratta della posizione del Missionario. È molto simile ma in questa posizione, molto semplice da provare, l’uomo si trova direttamente sopra la donna e la sua penetrazione va spinta fino al massimo per riuscire, con la zona pubica dell’uomo anche in questo caso, a muoversi e massaggiare il clitoride con movimenti leggeri senza dover entrare e uscire. Il “massaggio” porterà uno stimolo maggiore alla donna, e altro vantaggio di questa posizione è la possibilità da parte dell’uomo di baciare la sua donna e gemerle in un orecchio per aumentare la sua sensibilità del rapporto.

orgasm

Doggy Style

È la posizione dove la donna può anche auto stimolarsi e toccare il proprio clitoride in qualsiasi momento, anche chiedendo l’ausilio della mano dell’uomo, mentre c’è penetrazione. In questa posizione la donna si può bilanciare e reggere con un braccio e toccarsi con l’altro, oppure bilanciarsi con testa e spalle per avere l’utilizzo di entrambe le mani. Se volete davvero dare alla vostra donna il migliore orgasmo della sua vita, queste tre posizioni sessuali vi aiuteranno a trovare il modo per toccarle il clitoride durante il rapporto sessuale. Ricordatevi sempre, il clitoride è molto sensibile, e qualsiasi donna vi dirà che gioca un ruolo importante per indurre l’orgasmo durante la masturbazione.

POMPOIR: L'ARTE PER POTENZIARE L'ORGASMO FEMMINILE


Pompoir, esercizi per le donne. Nota anche come “suonare il flauto” o “la presa di Singapore“, è un’antica tecnica sessuale dove la donna stimola il pene con i suoi muscoli vaginali. Una tecnica che se fatta bene può ritardare l’eiaculazione e amplificare il piacere di entrambi gli amanti. Questo non è altro che la capacità della donna di controllare i suoi muscoli vaginali durante la penetrazione del partner: contrarli in maniera regolare dà il potere alla donna di controllare lo stimolo e l’eccitazione dell’uomo, “imprigionando” il pene all’interno dei muscoli della vagina. Come tutte le tecniche anche il “pompoir” richiede degli allenamenti da parte della donna per l’esercitazione dei muscoli delle pareti interne alla vagina, gli esercizi si basano sulla concentrazione e la contrazione dei muscoli. La donna può fare questi esercizi in diversi momenti della giornata, che, per avere un certo effetto, dovranno essere compiuti almeno dieci volte al giorno con una contrazione della durata di almeno una decina di secondi. La donna, se preferisce, può aiutarsi con gli esercizi utilizzando un fallo finto; una possibile variante all’esercizio è quella di riuscire solamente con la contrazione dei muscoli pelvici a non fare uscire il fallo. Questa cosa la si può fare solamente con un utilizzo appropriato del canale vaginale. Chi ha provato, o proverà, la tecnica del pompoir assicura che le sensazioni che ne derivano sono uniche e, se il partner viene coinvolto, il rapporto sessuale regala piaceri, che nel sesso “normale”, non sono conosciuti.
Previous post

Yuvi Pallarés "spoglia" la notizia

Next post

Venezia 2015: La "Mostra" della Laguna e la fatina!