CURIOSITÀ

Sesso: chi troppo “dura” nulla stringe!

Per durare di più basta esercitarsi. Ecco 10 pratici consigli per fare sesso meglio e più a lungo.

Finalmente possiamo tirare un sospiro di sollievo, a quanto pare la durata ideale del sesso è 10 minuti. Lo conferma un’indagine pubblicata sul Journal of Sexual Medicine condotta tra circa 50 specialisti. A quelli che si vantano di durare più di mezz’ora rispondete dunque “mi dispiace per te”, perché il rischio per la donna è il sopraggiungere della noia. Questa notizia però non consola del tutto, perché, parliamoci chiaro, 10 minuti di coito senza preliminari possono essere un tempo infinito. Del resto l’eiaculazione precoce (no, non negatelo tanto non vi vediamo) è un problema che interessa quasi il 50% dei rapporti sessuali e coinvolge soprattutto i giovani. È consolante però scoprire che nella maggior parte dei casi le cause sono psicologiche (ansia da prestazione, stress…) o dovuti a comportamenti di vita sbagliati (chi assume molto alcol, per esempio, può avere una riduzione dei tempi di erezione).

Ecco qualche rimedio che può risultare utile ad aumentare la durata del rapporto:

1. Lasciate ansie e stress fuori dal letto. Questa è una banalità, e la scrivono ovunque, ma vale comunque la pena citarla, dato che nella maggior parte dei casi il nervosismo è inconscio. Il modo migliore è lasciarsi andare al piacere, focalizzando tutta l’attenzione sul partner.

2. Non negate il problema. Parlatene apertamente, magari anche scherzandoci su, con la vostra partner, questo aiuterà ad evitare ansie da prestazione.

3. Aumentate la frequenza dei rapporti. È dimostrato che la riduzione degli incontri sessuali in una coppia aumenta il verificarsi di eiaculazione precoce (usate questa scusa per contrastare i tanto temuti “mal di testa”)

4. Dilungatevi nei preliminari. Il piacere prolungato aumenterà la soddisfazione del partner, rendendo meno problematica la durata della penetrazione.

5. Fate qualche esercizio muscolare. L’esercizio di Kegel è un metodo semplicissimo per migliorare la capacità di “trattenersi” e consiste nel fermare e rilasciare il flusso di urina durante la minzione. Questo migliora l’elasticità muscolare del pavimento pelvico (non andiamo troppo nel dettaglio, fatelo e basta)

6. Utilizzate il metodo Stop and Start. Consiste nel fermarsi e ripartire evitando di raggiungere l’orgasmo singolarmente. L’obiettivo è arrivare al momento in cui entrambi i partner siano pronti a raggiungerlo insieme.

7. Scegliete le posizioni. Posizioni che richiedono maggior sforzo anticipano l’orgasmo. Scegliete di stare comodi con la posizione dell’amazzone (lei sopra) o del cucchiaio (stesi sul fianco le penetrate da dietro).

8. Controllate il respiro. Respirate lentamente e profondamente. Il respiro veloce e l’aumento del battito cardiaco sono fatali per il vostro rapporto. Se serve fate cinque respiri profondi prima del rapporto.

9. Evitare i rimedi “non naturali”. Preservativi ritardanti e creme sono un aiuto per risolvere il problema momentaneamente, ma agiscono sugli effetti e non sulle cause. Il problema si ripresenterà.

10. Usate la tecnica dei 10 affondi. Consiste nel contare 10 spinte, di cui le prime 9 poco profonde e veloci, mentre alla decima spinta andate in profondità lentamente. Questa tecnica aumenterà il piacere della partner ed eviterà di stimolare troppo il vostro gioiellino.

Provate a seguire questi consigli per un mese, poi fateci sapere com’è andata. Soddisfatti o rimborsati? Ok, se i rimedi non funzionato prepariamo un bell’articolo  sull’autoerotismo….che con quello si va sempre sul sicuro.

Previous post

Evoque Convertible: lusso urbano firmato Land Rover.

Next post

Sabrina Ferilli: qualità e "quantità" all'italiana!