CURIOSITÀ

Sirene. Bellissimi mostri!

E se le sirene non fossero davvero così belle? E, soprattutto, se esistessero davvero? Ecco il documentario che qualche tempo fa ha sconvolto il mondo.

Sirene, creature immaginarie con la parte superiore di donna e quella inferiore di pesce. Così vengono definite e per anni le leggende hanno narrato le vicende di viaggiatori smarritisi per seguire il loro melodioso canto.

Medio Oriente, Asia, Africa, Europa… la fama di queste fanciulle marine ha attraversato gli oceani assicurandosi un posto fisso nel folclore popolare mondiale.
Dalla dea Atargatis, in Assiria, che per punirsi dopo aver accidentalmente ucciso il mortale di cui era innamorata si getta in un lago trasformandosi in sirena, a Melusina, sirena dalla coda doppia della cultura medioevale. Da Mami Wata, la sirena africana dai poteri magici che dimora in una città in fondo al mare, a Murgen che vive in una conchiglia esce dalle acque durante la notte tra il 24 e il 25 gennaio.
Di miti, racconti epici e poesie ne sono pieni gli archivi, ma non sono solo parole quelle che raccontano di queste creature. Ci sono dipinti, reperti archeologici, raffigurazioni che le mostrano a volte armate, altre con gli occhi grandi, o comunque diverse dalle rappresentazioni leggendarie.
Ed è da lì che gli esperti sono partiti, analizzando, scoprendo, ricostruendo pezzettino dopo pezzettino l’immagine di un mondo sommerso che potrebbe lasciarvi senza fiato.

E se le sirene non fossero davvero così belle? Se fossero esseri intelligenti che abitano i fondali marini? Se fossero un’evoluzione di una parte del genere umano? E soprattutto se esistessero davvero?

Che ci crediate o meno poco importa, il documentario di Discovery Channel di qualche anno fa (che forse avrete già visto, ma che vogliamo riproporvi), lascia comunque senza parole!
Ve lo riproponiamo tutto, se non avete tempo e voglia guardate almeno la fine e poi fateci sapere se trovate le sirene ancora così belle!

Previous post

Inebriati dalla Vinoterapia al Vitalpina Hotels

Next post

Pamela Anderson. Hot Memories.