CINEMA

The Revenant. Intervista esclusiva

Intervista esclusiva all'orso Grizzly, coprotagonista di DiCaprio nel film.

Nominato, osannato, tirato in ballo in continuazione… il miglior attore non protagonista degli Oscar 2016 è senz’altro lui, principe indiscusso delle conversazioni on-line, re assoluto dei boschi del North Dakota. Noi di Playboy Italia siamo riusciti a intervistarlo, a dar voce ai suoi dubbi sulle premiazioni e sulle ingiustizie degli Oscar.

Playboy. Il tuo è nato come un ruolo secondario, ma presto sei diventato un protagonista fondamentale nella storia di questo film, soprattutto nelle rivisitazioni on-line. Cosa si prova ad essere famosi?

Orso Grizly. Grrrrr

Playboy. Sulle prime non si pensava che questo film potesse avere tanto successo, ma quando spendi oltre 100 milioni di dollari qualunque fiume si riempie di pesci, non trovi?

Orso Grizly. Grrrrr

Playboy. I consensi sono stati unanimi, ma non è mancato il solito guastafeste che lo ha definito  un’americanata. Forse dopo Birdman Alejandro Inarritu aveva bisogno di fare un film normale.

Orso Grizly…..

Playboy. Hai ragione, normale è un concetto relativo. In ogni caso Inarritu è uno dei registi che in questo momento sta ottenendo più consensi.

Orso Grizly. Grrrrr

Playboy. Notevole anche il cast. DiCaprio, in particolare, è un grande attore. È stato emozionante lavorare insieme?

Orso Grizly. Grrrrr

Playboy. Com’è stato il tuo rapporto con lui sul set.

Orso Grizly. Grrrrr grrrrr grrrrr

Playboy. Ci sembra di capire che c’è stato un certo affiatamento. Cosa? Vuoi una sigaretta?

Orso Grizly. Grrrrr

Playboy. Il suo primo Oscar, tanto atteso e chiacchierato, è diventato il tormentone del web. Nella rete non si è parlato d’altro per un mese, uno stress psicologico notevole per lui.

Orso Grizly. Grrrrr

Playboy. Credi possibile che Leo abbia vinto questo Oscar più perché il pubblico lo richiedeva che per merito?

Orso Grizly. …

Playboy. Silenzio comprensibile. In ogni caso, sebbene la sua interpretazione sia stata come al solito magistrale, questo non è certo uno dei suoi migliori film. Insomma, Blood Diamond, Inception, The Departed… quest’uomo ha fatto la storia del cinema moderno, non sei d’accordo?

Orso Grizly. Grrrrr…. Grrrrr?

Playboy. Hai ragione, hai detto più parole tu di lui, ma sappiamo che recitare non vuol dire solo aprire la bocca.

Orso Grizly. Grrrrr

Playboy. Certo, anche la tua interpretazione è stata eccellente. Tornando al discorso. Tra gif animate, vignette e siparietti vari, ci sei sempre stato tu a reggere il gioco delle prese in giro sul web. Credi che senza la tua presenza sarebbe riuscito a portarsi a casa la statuetta? Senza tutta questa pubblicità virale, intendiamo. Insomma è grazie a te che è diventato un tormentone.

Orso Grizly. ….

Playboy. Siamo certi che il tuo rapporto con lui ti impedisca di dare giudizi troppo severi.

Orso Grizly. ….

Playboy. Sei un orso di poche parole. In ogni caso questo film è stato un successo, della critica e del pubblico. Non ti disturba essere l’unico a non aver vinto niente? Hai qualche commento in merito?

Orso Grizly. G R R R R R

Playboy. Hai ragione. Ma per noi il vero vincitore sei tu. Di te parlano tutti, on-line e off-line. Sai qual è stata la domanda più frequente su internet nelle ultime due settimane? “Come si scrive Grizzly?”

Orso Grizly. Grrrrr

Playboy. Cosa? Quindi fino a ora lo abbiamo scritto male?

Orso Grizzly (con due zeta). Grrrr

Playboy. Comunque bravissimo, un successo che passerà alla storia il tuo. Ma chiudiamo quest’intervista facendo i complimenti anche a DiCaprio. Cosa dici, gli auguriamo di vincere un Orso d’oro?

 

Previous post

Suelyn Medeiros. California Dreaming

Next post

Una Femme Fatale da bere