CINEMA

Tra sesso e contraddizioni… “Qualcosa di noi”

Presentato al Berlin Porn Film Festival "Qualcosa di noi", il film-caso di Wilma Labate creato in collaborazione con Bottega Finzioni

QDN locandinaIano è un piccolo borgo sulle colline di Sasso Marconi! È giugno e i prati sono gialli di grano. Un vento caldo d’estate danza sfuggente tra le spighe, e dispettoso scompiglia i capelli di quelli che si avventurano lungo il sentiero. Ci sono 12 ragazzi, 12 teste piene che trasudano fantasie e sogni proibiti. Sono gli alunni della scuola creativa di Bologna “Bottega Finzioni” e sono lì per vivere un esperimento che cambierà le loro vite. Ci sono i ragazzi, c’è il borgo di Iano, c’è una casa che un tempo fu teatro d’incontri a pagamento e poi c’è lei, la regina, la donna, la ragazza, la prostituta: Jana. Le storie di queste persone si fanno sceneggiatura di un esperimento cinematografico che si radica nella realtà come un albero, così profondamente vero da entrarti nella testa. I ragazzi si abbandonano alla magia di un piccolo set, mettendo in scena se stessi in una tensione ludica, mentre Jana, prostituta per scelta, si lascia tradire dalle sue contraddizioni. L’incontro mette in gioco e in comune diversi nodi: il lavoro, la sopravvivenza e le sue rinunce, le false coscienze e i desideri profondi. E questi nodi, messi in scena con maestria dalla regia di Wilma Labate, diventano la trama di “Qualcosa di noi“.

Dopo il successo  al Festival di Torino e al Porn Film Festival di Berlino, entro pochi mesi il film-documentario sarà finalmente disponibile in dvd. Nel frattempo segnaliamo la proiezione del 23 novembre alla 21.00 al Cinema Saffi di Forlì.

 

 

QDN_JANA_16

Previous post

La "Selvaggia" Belen e lo strascino!

Next post

Kate Upton: la moda è sexy