Connettiti con noi
disco-inferno

ENTERTAINMENT

Disco Inferno

La discoteca non è sempre un paradiso per i single: come orientarsi sotto le strobo per non buttarsi a capofitto in limoni da incubo.

Disco Inferno

Se Alberto Castagna fosse ancora vivo, sono sicura che girerebbe una nuova serie di Stranamore in una discoteca.Infatti, il club ha ormai un ruolo fondamentale nella vita sentimental-sessuale delle persone: in pista ci si osserva da lontano, scegliendo la preda, si perdono le inibizioni e si passa all’attacco armati di vestiti leggeri e vodka lemon annacquati. Una vera e propria palestra per i moderni gladiatori della lingua. Ma se fosse tutto così semplice saremmo tutti accoppiati e le discoteche sarebbero popolate solo da gente che limona duro contro i muri. Quindi mi permetto di spiegarti, da dj, amante degli alcolici scadenti e appassionata di clubbing da quando ho memoria, quali sono le cose da evitare assolutamente per non incappare negli errori tipici di coloro che non notano i segnali poco propizi e si lanciano, nella confusione delle strobo, verso veri e propri disastri sessuali del sabato sera. Partiamo con ordine: partiamo da te.
Per essere un uomo che segue il galateo del clubbing, devi essere pronto a dividere tutto. Il tuo drink, le tue sigarette e, se ne hai, la tua droga: personalmente, se non mi offri almeno un sorso del tuo drink e mi bevi davanti come se nulla fosse, io mi sentirò come una antilope nel deserto davanti ad una fonte a cui non può accedere. Posso permettermi di prendere da bere da sola, ma hey: fammi sentire la tua complice, no? Altrimenti era meglio se rimanevo con le amiche sotto cassa a fare battute sui culi delle donne più brutte nella sala e lamentarmi del male ai piedi per colpa dei tacchi.

Quando parte la complicità occhio però a non farti prendere la mano: ci vuole molto poco, alle volte, per rendere la tua serata da piacevole e spensierata ad un incontro tra il vicario con bibbia alla mano e Regan de “L’esorcista”. Calibra l’alcool e butta sempre un occhio alla tua partner, prima che si senta male o ti renda l’interno della macchina come un Pollock di spaghetti alla carbonara e cuba libre.
Occhio anche a come la riporti via, perché a volte sappiamo fingere un certo aplomb anche quando siamo possedute dalla vodka fino nelle dita dei piedi. A tal proposito ti ammonisco con un aneddoto di molti anni fa, quando conobbi proprio in un club quello che poi sarebbe stato il mio fidanzato per molti anni.
Alla fine di una decina di giri di shot e di balli dietro la consolle ci dirigiamo verso casa sua per un romantico intercourse, irrimediabilmente finito malissimo, con me che gli vomito a mo’ di idrante antincendio sul cuscino e lui con lo sguardo terrorizzato di un cervo in autostrada. Quindi occhio. Se ci vedete messe male, non shakerateci troppo. E poi diciamocelo: non é bello fare sesso con una donna completamente ubriaca che puzza come tuo nonno dopo una nottata di black jack, bestemmie libere e bourbon, no?Altra cosa a cui prestare estrema attenzione é la natura della tua preda.
Ci sono difatti donne biologicamente programmate per sbattersene delle tue cortesie. Sono le temibili e letali professioniste del clubbing.
Non importa che tu sia James Franco nudo, immerso nell’oro e cosparso di olio di palma e lamine di cioccolato, lei non si girerà mai verso di te a meno che tu non sia un dj di fama internazionale e che tu la sbatta al muro a colpi di vinile legandola col cavo delle cuffie.
Alcune di loro potrebbero girarsi verso di te e darti la loro attenzione se tu fossi un pusher. Ma diciamocelo: in quel caso mi reputerei fortunato a non caderle tra le gambe, o no?

Altre sono famose per essere Urlatrici. La definizione viene dal verso molto acuto e con una gamma di decibel che spazia dal sibilo appena udibile all’orecchio umano al superamento della barriera del suono, che emettono per praticamente qualsiasi cosa che la loro rétina registri. Fanno pipì? Urlano. Bevono? Urlano. Il dj mette un pezzo che hanno già sentito prima? Urlano. Consigliate solo se sei iprudente o pratichi molta meditazione durante la settimana.
Occhio anche a mascelle dinamiche e alle donne sempre attaccate al bancone: non sanno divertirsi e cercano un pollo da spennare. Praticamente offrir loro da bere equivale ad accostarsi in tangenziale a caricar su una professionista. Con la differenza che, molto probabilmente, la tipa al bancone sparirà appena ti volterai a salutare un amico, lasciandoti solo come un cane abbandonato sulla A1 a Ferragosto.
A questo punto penserai alle cubiste. Ti fermo ancor prima che tu inizi. Scordatelo. No. Non ci pensare neanche. Bravo. Torna seduto. Va bene tutto, ma l’ego, caro lettore, conservalo sempre: loro sono lí a lavorare, sono programmate geneticamente al due di picche. Rispetta il loro ruolo, guarda e non toccare.Lo so, ora penserai che siamo solo un branco di indemoniate con una imponente propensione all’alcolismo, sarai disilluso e anche un po’ rassegnato. Ma è qui che non ti devi arrendere.Nonostante i casi umani da me appena elencati ti assicuro che in discoteca esistono anche le ragazze giuste. Quelle senza pretese, che amano la musica ma vogliono rilassarsi, che vanno a ballare senza fare la guerra, che preferiscono allontanarsi dalla cassa per ascoltare ciò che hai da dir loro.
Ma sono rare come la pioggia sulla Salerno-Reggio Calabria quando c’è bollino nero. Perché la storia ci insegna che anche una benedettina, se le dai da bere e la istighi a dovere, diventa Belfagor (vedi la vivace monaca di Monza, “I promessi sposi”).
Quindi, caro amico, valuta seriamente di iniziare a cercare altrove una compagna.

Perché se ci pensi bene, la discoteca è il luogo in cui noi donne ci vogliamo lasciare andare dopo una cospicua settimana di tormenti e bestemmie, proprio come te. Insomma, è come se io domani prendessi e venissi a cercare marito ad una tua partita di calcetto con gli amici: sareste tutti alterati, paonazzi, distratti da altre cose e sudati tipo sauna svedese. Proprio come una signorina dopo tre ore di salti e balli sul dance floor.

Quindi inizia a pensare a te stesso. Esci per farti un piacere. Goditi il tuo momento.
Divertiti, vomitati addosso, balla senza guardarti troppo intorno.
Tanto ciò che ti serve in discoteca lo hai già e sono due cose che non ti tradiranno mai: la buona musica e la vodka liscia.

What else?
In bocca al lupo, gladiatore.

Clicca per commentare

Iscriviti e ricevi foto e video esclusivi. Girls, Motori, Eventi e Tech.

Con la registrazione alla mailing list o alla newsletter, l’indirizzo email dell’Utente viene automaticamente inserito in una lista di contatti a cui potranno essere trasmessi messaggi email contenenti informazioni, anche di natura commerciale e promozionale, relative a questa Applicazione. Dati personali raccolti: Email.

SEGUICI SU

Instagram

  • Reading @playboyita at #tomorrowland with @becks_it ♥️🦋 .
.
.
.
#becksexplorers #becks #legendär #dreamville #weekendvibes #love #read #party #dance #becksexperience #weekend
  • When it's finally the weekend 🙌🏼 @zhoetrotter 📸 @studioflamingo
#weekendvibes #goodmorning #love #sport #basketball #sky
  • Today at #Tomorrowland 🌈🌈🌈🌈#becksexplorers thanks @giuliavalentina ♥️ and @becks_it 🦋🇧🇪🎉
  • #blonde sunset 🌅 #love @emmavsimmons ♥️ #beachwear #beach #sea #cloud #sky #palm #vibes #goodevening
  • Morning #mood 🦋 #wakeup w/ @alexisren ♥️
  • 🐇👀📖Playboy Italia Summer issue. Out now!! Featured this month 🔝Playmates @anechkaapetrova and @danataylor2, #Interview @christophernolann, #20Q @obeygiant and @parovstelarofficial #playboyitalia #playboy #issue #july #august #2k17 #magazine #motori #moto #roadto #trip #streetart #obey 🎥 @sepadel #artdirector

Seguici su instagram

Altro in ENTERTAINMENT