Connettiti con noi
Mattia Briga © M. Masini

MUSICA

Intervista a Mattia Briga

Mattia Briga, ha duettato con artisti di grande calibro che lo rendono molto orgoglioso del suo percorso.

Intervista a Mattia Briga

Un’infanzia e un adolescenza passata in giro per l’Europa: Roma, sua città natale, poi Parigi, quindi la Danimarca e Madrid e poi ancora Roma. Una laurea triennale in giurisprudenza e da dieci anni dedito totalmente al rap. Parliamo di Mattia Bellegrandi, classe 1989, in arte BRIGA.

Mattia come nasce questa tua passione rap?

Ho iniziato ad ascoltare il rap da molto piccolo, quando a casa mia circolavano le audiocassette dei Sottotono e degli Articolo 31. Mi ricordo di viaggi interi in macchina con mio padre in cui mandavo in rewind “Cosi Com’è” o “Sotto Effetto Stono” e mi ricantavo le barre sopra J-Ax e Tormento. Poi a 14 anni, un bel giorno faccio sega a scuola e vado al mare ad Ostia con un mio amico. In treno mi mette una cuffietta nell’orecchio e mi dice: “ascolta questo quant’è matto”. Era “Mister Simpatia” di Fabri Fibra. Da quel disco non l’ho più mollato.

Che influenza hanno avuto le tue permanenze all’estero sulla tua scelta musicale?

Ho viaggiato molto, soprattutto da adolescente. Nel periodo più importante che riguarda la crescita di un ragazzo, ho avuto la fortuna di essere spinto dalla mia famiglia a partire e conoscere il mondo. Mi hanno educato a essere viaggiatore e non turista. Quando sono all’estero divento come una spugna che assorbe cultura e abitudini locali, questo mi ha reso indipendente nel pensiero e ha influito tantissimo sul mio modo di scrivere.

Mattia tu sei attivo nel panorama musicale dal 2006 e annoveri da allora delle soddisfacenti esperienze in tale mondo. Nel 2010 hai autoprodotto e pubblicato “Anamnesi” il tuo primo album d’inediti; nel 2011 vieni messo sotto contratto dalla Honiro Label, etichetta che pubblica “Malinconia della Partenza” in cui duetti con Coez, LowLow ed altri, nel 2012 pubblichi il tuo secondo album “Alcune sere” e risulti cliccatissimo su YouTube. Alla luce di tutto questo cosa ti ha spinto ad entrare, nel 2014, nella Scuola di Amici e quanto questo “talent show” ritieni possa averti aiutato ad essere quello che volevi essere?

Sono arrivato a un Talent come ‘Amici’ che la mia personalità artistica ed individuale era già formata. Ne ho mangiata di polvere prima di andare in televisione sicuro dei mezzi che avevo a disposizione. ‘Amici di Maria de Filippi’ mi ha dato la possibilità di farmi conoscere, di essere apprezzato, o aspramente criticato, da un paese intero. Il mio bacino di utenza è aumentato in maniera esponenziale e adesso ho l’opportunità di far ascoltare le mie parole ad un pubblico molto numeroso. Ringrazierò per sempre tutta la produzione di “Amici”, dalle signore delle pulizie passando per i macchinisti, fino agli autori del programma stesso.

Il 19 maggio 2015 è stato pubblicato dalla Honiro Label “Never Again” disco di platino dalla FIMI per aver venduto oltre 50.000 copie. In esso parli molto di amore, visto nei suoi vari aspetti, mostrando un Briga decisamente romantico, un po’ lontano dal solito stereotipo del “rapper”.

Forse proprio perché non sono un rapper. D’altronde non mi è mai piaciuto essere inquadrato in un unico genere musicale. Le etichette non mi piacciono sulle magliette, figuriamoci su di me. Parlo d’amore perché è ciò che muove il mondo.

Mattia Briga © M. Masini

Mattia Briga © M. Masini

Cosa pensi della nascita del cantautorato rap italiano?

Con “Sei di Mattina” posso affermare con sicurezza ed orgoglio di essere stato uno dei primi ad aver avuto il coraggio di presentarmi al pubblico in questo modo. Penso che nella musica e nell’arte in generale il concetto di evoluzione debba essere la base e la mèta di ogni artista. Bisogna sapersi distinguere senza smettere mai di migliorarsi. Cambiando, sperimentando…

Chi consideri “pioniere” del rap italiano?

Fabri Fibra senza dubbio. Ha portato una bella ventata di freschezza che in questo paese non si sentiva da anni. Ma stilisticamente mi sento più vicino a Tormento. Sono perfettamente consapevole di quanto lui abbia influito sulla mia musica. Noyz è una leggenda.

In un solo anno sono state molte le tue esperienze artistiche: una collaborazione con Gigi D’Alessio, un duetto con Tiziano Ferro, ospite di Antonello Venditti al suo concerto allo Stadio Olimpico. Quanto ritieni possano averti, oltre che emozionato, arricchito artisticamente ed umanamente questi incontri ravvicinati.

Aver duettato con artisti di questo calibro mi rende orgoglioso del mio percorso. Ora che inizio a tirare le prime somme della mia vita, mi guardo indietro con un po’ più di serenità. Ho fatto bene ad andare avanti sempre e a non mollare mai di un centimetro su quelle che erano le mie ambizioni. E se ci credi tanto, prima o poi, si avvera. Una sera apri gli occhi e ti ritrovi su un palco allo ‘Stadio Olimpico’ o al ‘San Paolo’… La vita è strana. Non smetterà mai di sorprendermi a patto che io non smetta mai di crederci.

Cosa provi quando le tue canzoni passano in radio?

Passano talmente poco, che se sono in macchina a guidare e becco una mia canzone in radio, rischio di andare a sbattere. Ma a dire la verità, sono anche contento di non essere un artista molto considerato dalle radio. Sono appena nato, ho appena iniziato e voglio continuare a vivere di musica il più a lungo possibile. Le radio arriveranno, basta avere fiducia.

Mattia Briga © M. Masini

Mattia Briga © M. Masini

È da poco uscito il singolo BACIAMI tratto dal tuo nuovo album “Talento”. Qualcuno non ha perso tempo ed è subito stata polemica circa alcuni passi del testo. Come ti pronunci circa questo?

Alcuni “giornalisti” (e mi creda, le virgolette sono al loro posto), non perdono occasione per sollevare una polemica e strumentalizzare una determinata situazione. Sono state mosse nei miei confronti delle critiche talmente risibili circa alcuni versi di “Baciami”, che ho deciso direttamente di soprassedere e di non rispondere nemmeno. È evidente che si tratti di un brano spiritoso, provocatorio e ironico nella veridicità dei fatti che vengono raccontati. Chi è che non va in discoteca per rimorchiare? Chi è che d’estate non va a un aperitivo in spiaggia sperando di trovare una ragazza con cui passare una “bella nottata”? Proprio a me, che ho vissuto tutta la mia vita con tre donne in casa (mia madre e le mie due sorelle) e che metto la donna al centro della mia poetica, mi si vuole accusare di avere una visione di essa come “oggetto”? Ma per favore. Amo le donne, sono un inguaribile romantico, ho scritto “Sei di Mattina”, “L’amore è qua”, “Esistendo”… E potrei riempire tutte le pagine della vostra rivista elencando i titoli delle canzoni d’amore che ho dedicato alle donne.

I tuoi genitori, tua madre insegnante ed il tuo papà avvocato, hanno accettato la tua scelta di vita dedicata alla musica o ti avrebbero voluto vedere in un altro ruolo: che so per esempio in quello di un rampante “principe del foro”?

Chiaramente alla mia decisione di abbandonare gli studi è seguito un periodo di preoccupazione da parte dei miei genitori circa il mio futuro, visto che la mia scelta non forniva loro delle garanzie per così dire “sociali”. Ma se a un ragazzo adolescente tolgono la possibilità di sognare, si rischia di non essere mai protagonisti della propria vita e di cadere in un abisso profondo chiamato rimorso. Ho sempre vissuto cercando di seguire il mio istinto, nel bene e nel male. Ma ho avuto la fortuna di avere una famiglia alle mie spalle che mi ha sempre teso la mano ogni volta che sono caduto. La verità è che non potrei mai accettare che la mia vita prenda una piega sbagliata per decisioni prese da altri.

Spesso, anche dai tuoi canali social, si è appreso di un tuo rapporto davvero speciale con tua nonna. Cosa rappresenta davvero per te tua nonna? E cosa pensi di questa figura nelle nuove generazioni?

Innanzitutto ci tengo a precisare che quella che vedete sui social è la mia bisnonna. Lei non lo sa dire e dice “sbinnonna” (ride n.d.r.). Ha appena compiuto cento anni. Sono molto attaccato a lei perché c’è sempre stata e non ha mai cambiato il modo di guardarmi. Mi ha sempre guardato con amore e trattato come se fossi la cosa più preziosa al mondo. Quella famosa foto che postai dopo uno dei miei concerti a Roma, mi ritrae in camerino con lei prima di un concerto. Lei mi tiene e mi accarezza come se fossi appena nato, come se fossi un vaso di porcellana. Non smetto di piangere al pensiero. Lei è speciale. I nostri figli non avranno la possibilità di godere di figure come lei.

Ti hanno etichettato, a seguito anche di alcuni episodi avvenuti nel corso di Amici, un ragazzo introverso, dai modi scontrosi Riconosci questi lati del tuo carattere o ritieni che siano solo frutto di cattive interpretazioni?

Quando si dice che io sia arrogante, scontroso o presuntuoso è vero. Ma sono soprattutto una persona vera, leale, che odia le ingiustizie e prova un profondo disgusto verso la falsità. Essendo un ragazzo genuino e autentico, non mi vergogno di mostrare quello che sono nei miei pregi e nei miei difetti. Credo che questa sia una qualità da apprezzare e non da biasimare. Vuol dire che non sono costruito a tavolino, ma mi mostro per quello che sono: solamente un essere umano.

Foto di:Foto di: MASSIMO MASINI – Assistente: Giacomo Richichi – Make-Up: Martina Ottaviani

Clicca per commentare

Iscriviti e ricevi foto e video esclusivi. Girls, Motori, Eventi e Tech.

Con la registrazione alla mailing list o alla newsletter, l’indirizzo email dell’Utente viene automaticamente inserito in una lista di contatti a cui potranno essere trasmessi messaggi email contenenti informazioni, anche di natura commerciale e promozionale, relative a questa Applicazione. Dati personali raccolti: Email.

SEGUICI SU

Instagram

  • I nuovi gusti @becks_it 🍻 #London #PaleAle e #Berlin #GoldenBock 🍻 #beer #birra #evento #scoiattoli #gusti #nuovi #becks #endoftheday #happyhour #aperitivo 🍻
  • #Summer time ☀️🌊 with @kristinasheiter 🏖🍸 #blonde #sea #beach #underboob #shirt #blueeyes #time #day #hot #sexy #girl #waves
  • Se rispetti tutte le regole... ti mancherà tutto il divertimento ♥️ @martabmw ☺️💕 #love #fitgirl #girlpower #luxury #modelife #babe #beach #tshirt #palm #waves #sea #sun #morning #blonde #sunglasses #slip
  • Arrivati a fine giornata desideri solo togliere i vestiti e... riposare ♥️ @anya.sugar #AnyaSugar 📸 @photomya #tattooedgirls #brunette #jeans #lingerie #sexy #window #bra #nakedisnormal #modelife #luxury #girlpower #fitgirl #love
  • ♥️ Into the wild with @daveenadavis 📸 @jrvfilms #wildwomen #wildflowers  #mountainview #mountains #girlpower #woods #forrest #trees #passion #day #sun #model #luxury #modelife #naked #nakedisnormal
  • Cosa c'è di meglio di un tuffo che rinfreschi... 💦 @staceytonkes #babe #beach #beachwear #sea #waves #Happy #blonde #girlpower #woman #boobs #bööty #loveher #awesome #sun #day #passion #luxury

Seguici su instagram

Altro in MUSICA