Connettiti con noi

Intervista a Willie Peyote

MUSICA

Intervista a Willie Peyote

Willie Peyote, cantautore-rapper anche un po’ musicista, dal sangue 100% torinese. In attesa del nuovo disco abbiamo scambiato quattro chiacchiere con lui.

Sono passati due anni da Educazione Sabauda ma è bastato un solo singolo per far nuovamente rizzare le orecchie del pubblico di Willie Peyote, cantautore-rapper anche un po’ musicista, dal sangue 100% torinese, che si è sempre contraddistinto per il suo stile ed il suo sound personale. In attesa dell’uscita del nuovo disco, prevista per questo autunno, abbiamo scambiato quattro chiacchiere con lui, 4 chiacchiere che sono diventate 8, 12, 16…

Ciao Willie, presentati al pubblico di Playboy

Ciao sono Willie Peyote, ho quasi 32 e boh, faccio musica, ho avuto c*lo nella vita e faccio a pagamento qualcosa che farei anche gratis!

So che vieni da una famiglia di musicisti, come hanno influito sul tuo lavoro?

Ho cominciato a 12 anni a scrivere le prime robe copiando Eminem, ma quando i miei hanno trovato i quaderni con le prime rime in cui “uccidevo mia nonna o sgozzavo puttane”, hanno fatto in modo di indirizzarmi alla musica suonata, anche perché con un padre batterista, madre pianista, le mie due sorelle più piccole che suonavano una l’arpa e l’altra il violino, il passo per prendere in mano anche io uno strumento è stato breve! In famiglia si è sempre suonata tanta musica diversa e questo ha fatto sì che io mi appassionassi a tanti generi oltre all’avermi dato la possibilità di coltivare un gusto musicale molto personale che oggi si riflette nella musica che faccio.

Niente Jam session familiari?

No, c’è stato un periodo in cui suonavo il basso nel gruppo di mio padre, ma non sono mai stato un gran bassista e all’epoca ero ancora più scarso di oggi! A volte però lo faccio salire a suonare con me durante i miei live.

Torino è una città che in questo momento sta cambiando un po’ le prospettive, la tua musica cambia insieme alla città oppure viene influenzata ma non cambia insieme ad essa?

Non so dirti quanto siano legate le due cose, io ho sempre pensato che fosse strettamente collegata la mia vita, la mia percezione delle cose a Torino, per questo ho scritto un disco dal titolo Educazione Sabauda e ci tengo a sottolinearlo perché ritengo che la mia personalità stessa sia molto legata all’atmosfera di questa città, che mi ha sempre influenzato e che per certi versi vorrei essere io ad influenzare.
Torino dal suo canto ha questa caratteristica: quando produce progetti musicali interessanti e peculiari, vedi i Subsonica o anche Levante in qualche modo, la sua influenza si sente in maniera molto marcata. Inoltre da bravi Sabaudi non siamo portati a metterci in mostra, ma quando qualcosa funziona si sente! Per il resto certamente la mia musica cambia con me ed io cambio anche insieme alla città.

E analogie tra Willie e Torino?

Come accennavo prima la caratteristica del non mettersi troppo in mostra, del non voler esporsi troppo, ma aspettare che gli altri ti scoprano; la città ad esempio è splendida, ma non fa nulla per farsi notare. Sai, ho avuto difficoltà a far accendere le luci su di me, sembra un paradosso, ma non ho mai avuto troppa voglia di essere al centro dell’attenzione o di andare io a prendermi uno spazio che non mi venisse concesso dagli altri, così ho aspettato che fossero gli altri a scegliermi.

E quindi qual è stato il momento in cui qualcosa si è acceso? Con l’uscita del singolo Glik?

Prima, in realtà. Nel 2012 ho partecipato ad un contest online organizzato da ESA dei Gente Guasta/OTR e da lì in poi è stata un’escalation, poi certo Glik mi ha aiutato moltissimo anche perché casualmente è diventata una hit in Polonia!



Il 2 maggio è uscito “I Cani”, singolo che anticipa l’uscita del prossimo album, cosa sappiamo di questo prossimo lavoro?

Beh sappiamo che esce in autunno, sappiamo che è molto più suonato del precedente perché abbiamo finalmente messo in piedi una band ufficiale, sono finalmente andato in uno studio vero a registrare il disco, come gli artisti veri, e sarà un disco diverso dal precedente senza dubbio perché io due volte la stessa cosa non riesco a farla.

Quindi sempre più verso la forma canzone e meno rap.

Beh sì, rivolgendomi io al pubblico italiano, abituato e affezionato alla forma canzone classica, devo un po’ mantenerla, ma in realtà dentro il disco c’è tanta roba, dell’indie, del rap e secondo me c’è anche della black music. Ho preso delle ispirazioni e le ho messe insieme, nel 2017 non è che ci si può inventare molto, bisogna avere il dono della sintesi, è la formula che funziona meglio oggi se vedi.

A questo proposito ti chiedo cosa ne pensi di Liberato.

Penso che sia la perfetta sintesi, appunto, tra due cose che funzionavano benissimo già separate e che messe insieme funzionano ancora meglio considerato anche il lavoro di marketing alle spalle che è geniale. E’ un progetto che è stato pensato bene. Un errore che si fa spesso è pensare che basta essere bravi per funzionare, invece bisogna essere anche organizzati e lucidi, fare le scelte giuste e guardare in prospettiva. I progetti che funzionano veramente sono molto meno di pancia di quanto si pensi.

“Vestirsi male e avere un pessimo rapporto col cazzo, cara, non c’entra niente col femminismo”. Qual è la storia dietro questa frase?

Eh quella frase è in risposta ad alcune accuse che mi sono state fatte di essere maschilista e misogino. Mi è successo di essere attaccato diverse volte da gruppi di femministe sulla base del fatto che parlare di pompini in un pezzo sia sinonimo di maschilismo. A parte che non ritengo la fellatio un passatempo a totale appannaggio maschile, ma soprattutto non lo ritengo un atto machista, e trovo sia sprecato usare il concetto di femminismo per puttanate del genere, quando in realtà andrebbe indirizzata la protesta verso cose un po’ più importanti, tipo che le donne guadagnano meno degli uomini in questo paese o che determinati ruoli in azienda non possono essere ricoperti se sei donna, o che se resti incinta ti licenziano, ecco ritengo che i pompini non siano il vero problema delle femministe. Non considero gli uomini e le donne uguali, ma nella misura in cui è la diversità la forza stessa delle cose. Trovo che le donne siano diversi dagli uomini e che abbiano delle peculiarità diverse e annullarle sarebbe un vero insulto. Ti dirò di più, mi ritengo un femminista, preferirei che il mondo fosse comandato dalle donne…e quella frase lì è stata ovviamente fraintesa.

Passiamo ad argomenti più morbidi, la collaborazione dei sogni?

Nel disco nuovo si è già avverato un piccolo sogno perché ci sarà una collaborazione con un artista non musicale al quale tengo molto che si chiama Giorgio Montanini. Lui è uno stand-up comedian e casualmente il suo nuovo spettacolo è totalmente in linea con i temi che tratto nel disco, abbiamo quindi deciso di inserire dei suoi estratti inediti. Per quanto riguarda la musica invece il mio sogno è Daniele Silvestri, penna di classe.

Il tuo brano al quale sei più legato e quello di un altro artista.

L’unico mio brano che riesco ad ascoltare anche dopo l’uscita è “Che Bella Giornata”, un pezzo che racconta una scelta difficile che ho dovuto fare nel provare a fare ciò che faccio oggi, e che mi ricorda che sono un più coraggioso di quanto pensi, e che ogni tanto riesco a credere davvero nelle mie idee. Il pezzo di altri artisti al quale sono più legato e che mi mette sempre di buon umore è “If I Ever Feel Better” dei Phoenix, anche se in realtà sono molte le canzoni a cui sono affezionato ed ognuna ha segnato un momento particolare della mia vita.

Sei in piena gita estiva, preferisci i festival o i concerti solo tuoi?

Non ho preferenze sono due esperienze diverse: il primo è divertente e stimolante perché devo fare in modo di arrivare a persone che non mi conoscono, l’altro è divertente e rilassante perché la gente conosce a memoria le parole e canta con me.

Spulciando il tuo profilo Instagram ho visto che segui diverse Suicide Girls, è il tuo ideale di ragazza?

Haha confermo!!! Ma no, non sono assolutamente il mio ideale di ragazza. Devo dirti la verità, sono stato obbligato ad aprire un profilo IG e visto che non mi piace, non è il mio viaggio, ho deciso che se se seguo tante suicide girls che postano i loro culi, la mattina quando mi sveglio e scorro la home mi aiutano a farmelo piacere di più! Seguo anche un po’ di attrici guarda…

E quindi la star con cui vorresti passare una notte da ricordare qual è?

Ah ce ne sono molte! A bruciapelo direi Carmen Consoli, è il mio sogno erotico da quando sono adolescente!

E la tua Playmate preferita?

Un classico, Jenny Mc Carthy!

Clicca per commentare

Iscriviti e ricevi foto e video esclusivi. Girls, Motori, Eventi e Tech.

Con la registrazione alla mailing list o alla newsletter, l’indirizzo email dell’Utente viene automaticamente inserito in una lista di contatti a cui potranno essere trasmessi messaggi email contenenti informazioni, anche di natura commerciale e promozionale, relative a questa Applicazione. Dati personali raccolti: Email.

SEGUICI SU

Instagram

  • #thursday afternoon w/ @bethurrell 📸 @daveblakephoto 🐞.
.
.
.
#aussie #model #actress #firl #woman #sexy #afternoon #break #time #mood #blackandwhite #blondehair #naked #nakedisnormal #blonde #black #white #shoot #pic #love #hermosa #awesome #body
  • Good Morning Lovers ♥️ from @jossanforsberg ♥️ #iwokeuplikethis .
.
.
.
#goodmorning #goodmotivation #motivation #vibes #tbt #tbthursday #blondegirl #wakeup #wokemeup #me #her #love #hermosa #schön #krasiv #smuk #bonita #700post #likeaboss #likeus
  • #Ready to go w/ @d.a.r.i.a.s.h.y ♥️
📷 @nikolasverano .
.
.
.
#DariaShy #love #her #boobs #sexy #woman #yatch #boat #go #to #withlove #russiangirl #eyes #eyeshadow #looks #watchme #body #lingerie #mood #style #good #night #goodnight🌙
  • @joycorrigan is here to help get you through the rest of your Wednesday. 📸 by @hollyparkerrr.
.
.
.
#motivation #wednesday #girl #power #blondehair #sexy #lingerie #hot #beautiful #sofa #home #decor #look #mood #day #moodoftheday #browneyes #body #yo
  • Just say... Good Morning 😋🍭😍♥️ w/ @zuueva 😛.
.
.
.
#sexy #model #zuzu #lovezuzu #zuueva #zuuevalife #russiangirl #happy #yummy #fashion #tutorial #blogger #nice #hairstyle #lovely #icecream #cake #fantastic #dessert #candy #chupachups #triangle #boobs #parís #hot #mouth
  • #Playmate Grace Kim revels in rebellion. 📸 by Stephen Wayda.
.
.
.
#grace #kim #rebellion #sexy #girl #clothes #out #playboy #woman #hot #girlpower #goodnight #revelation #lingerie #bag #mirror #shoot #mood #brunette #slip #bra #boobs #skirt #square #fantasy

Seguici su instagram

Altro in MUSICA