MUSICA

Rock in Progress

Tra gli anni '60 e '70, a tempo di rock.

A cavallo tra anni ’60 e ’70, nel Vecchio Continente, l’ingranaggio dell’Adolescenza Perenne si rompe per sempre. Allo stravolgimento mirabolante da smania rockettara si va a sostituire uno stravolgimen- to fatto di passi leggeri, di scalini percorsi a saltelli insicuri invece che a quattro a quattro. Dal sogno contestatorio giovanile all’adolescenza di piombo. L’alba del nuovo decennio è fatta di consapevolezza.
La pietra dello scandalo progressive (per nulla scandaloso) la scagliano di nuovo loro, gli inglesi. Troppo snob e isolati per non dare all’isolamento snobistico una connotazione sonora, troppo avanguardistici e spregiudicati per non salire di gradazione dopo un primo giro rock a base di birra saporita, ma pur sempre da discount. King Crimson, Genesis, Yes, anche Pink Floyd; gruppi musicali che gruppi non sono, ma che si costituiscono, invece, intorno al peso irripetibile dell’individualità. Dall’estrema semplificazione sessantiana all’estrema complicazione settantiana, dal rock fatto di emozioni vomitate al rock fatto di sottrazione ostentata, dal sudore all’astrazione mentale. Dalla società vissuta da dentro alla società intravista da fuori. Si dice in giro, a quanto pare, che noi italiani saremmo bravini proprio a essere individualisti, egoisti, a pensare ai fattacci nostri. E quindi perché non provarci, a togliere lo scettro del prog, appena forgiato, dalle mani di quegli Angli e quei Sassoni che abbiamo sempre guardato con un misto di ammirazione e diffidenza, dai tempi degli antichi Romani?

Et voilà: si scopre che per la controinvasione del progressive non c’è Vallo di Adriano che tenga. In Italia si attendeva un’occasione narrativa di questo tipo dai tempi di Dante. Qualcuno che dicesse: viene prima il racconto di me, e poi il racconto di quello che mi accade intorno. Vi dirò di più: proprio come Dante, io, Dio del Progressive, sarò così bravo a fare storytelling di me stesso che vi narrerò la contemporaneità per contrappunto.

 

non perdere l'articolo completo

In tutte le edicole solo con Playboy.
Previous post

Baywatch 2017. Chi vuol essere salvato alzi la mano!

Next post

L'Isola dei Famosi. Tra spiagge e mare trionfa la Bonas