GeneraleSOCIETÀ

Salviamo le Quaglie!

Coito interrotto, ovvero "Salto della Quaglia"! Ecco perché la Durex chiama in causa il simpatico pennuto.

Lo sapevate che Novembre è il mese in cui viene più usata la “tecnica” del Coitus Interruptus, più comunemente chiamato Salto della quaglia? Ce lo rivela Durex che analizzando i dati del web ha scoperto che questa espressione è particolarmente ricorrente nelle conversazioni on-line, proprio durante questo mese. E indovinate un po’ quale altro picco si registra circa 9 mesi dopo…. quello delle nascite, ovviamente! Fortuna che da domani siamo a Dicembre.
Ma andiamo per ordine. L’espressione Salto della Quaglia viene utilizzata per indicare l’interruzione di un rapporto non protetto proprio nell’attimo prima del “grande momento”. È evidente che questa tecnica contraccettiva non sia un granché efficace, del resto viene utilizzata proprio in riferimento al goffo procedere della quaglia. Lo sfortunato pennuto infatti, a causa della sua forma rotondeggiante, delle ali lunghe e della coda molto corta, fa fatica a compiere gli innumerevoli salti a cui la specie umana lo costringe, rischiando l’estinzione. Nel nostro caso a quanto pare avremmo il problema opposto: sovraffollamento del pianeta.
Ma la Durex affronta anche un altro tema importantissimo, quello delle malattie veneree, per questo in occasione della giornata mondiale contro l’AIDS del 1° dicembre, ha lanciato l’hashtag #SALVALAQUAGLIA, con l’obiettivo di sostenere la LILA (Lega Italiana per la Lotta contro l’AIDS). Nessuno ha voglia di sentirselo dire, ma una gravidanza non desiderata può essere il minore dei problemi!
Per sponsorizzare l’attività, l’azienda si rivolge al Trio Medusa, protagonista del divertente spot.
Il messaggio è chiarissimo: per evitare grandi problemi non servono grandi sforzi. USATE IL PRESERVATIVO, salvate le quaglie!

A furia di saltare, la quaglia ci lascia le penne. Ferma il loop prima che sia troppo tardi: aiutaci a salvare la…

Posted by Durex Italia on Martedì 24 novembre 2015

Previous post

Happy B-Day Oka Giner

Next post

Baywatch: le sexy bagnine sul grande schermo.