FOOD

Chili, peperoncino, Sriracha: i cibi afrodisiaci che allungano anche la vita

Scoperto il collegamento tra consumo di cibi piccanti e longevità.

Se è vero che una mela al giorno leva il medico di torno, il Chili può tenerlo lontano per molto molto tempo. Pare infatti che una ricerca pubblicata sul BMJ (British Medical Journal) dimostri il collegamento tra l’assunzione di cibi piccanti e la longevità. Lo studio è stato fatto in Cina, su un campione di 500.000 persone. I ricercatori hanno stimato che chi consuma cibi piccanti una o due volte a settimana ha un rischio di morte prematura più basso del 10% rispetto alla media. La percentuale sale al 14% per quelli che lo mangiano tre volte a settimana. Questi studi certo non provano le cause della longevità, ma sottolineano il collegamento tra cibo piccante e diminuzione del rischio di cancro, infarto e problemi respiratori. Altre ricerche mostrano infatti che la lecitina, un acido grasso contenuto nei semi, rafforza le coronarie e dona elasticità alle arterie. Queste proprietà vasodilatatrici sono anche la causa dei miracolosi effetti afrodisiaci. In un certo senso pare dunque vero che i piccanti “cornetti” portino fortuna, ma non usateli come portachiavi…mangiateli!

Previous post

Il lavoro nobilita l'uomo

Next post

Saltiamo dalla gioia con Ana Braga!