FOODGIRLS

Il pranzo è servito…dalla chef Belen!

Belen alle prese con la carbonara. Ecco una ricetta per una serata romantica.

Due uova, un pizzico di sale e Belen in abbigliamento “comodo”! Non vi abbiamo già stuzzicato l’appetito? Prendendo spunto dall’appetitoso pranzo della showgirl argentina, è venuta anche a noi voglia di carbonara. Se per caso avete a cena una bella ragazza, fuori fa freddo e in casa vi tocca “riscaldare” l’ambiente, vi proponiamo una variante della ricetta originale. Accompagnatela con un buon bicchiere di vino rosso e il gioco e fatto!

200 gr mezze penne rigate
20 grammi di pecorino
2 fette di bacon
2 zucchine
2 uova
Sale
Olio
Prezzemolo

Cuocere la pasta in acqua bollente salata, nel frattempo lavare le uova, metterle in una pentola con acqua fredda e lasciarle cuocere 3 minuti dall’ebollizione. Una volta cotte le uova, lasciarle raffreddare sotto acqua corrente, sgusciarle e frullarle insieme al pecorino e a due cucciai d’olio.
Mettere le zucchine, precedentemente lavate e tagliate a rondelle sottili, in una padella con dell’acqua (due/tre cucchiai) e scaldarle a fuoco vivo per un paio di minuti. Salare.
Scolare la pasta e aggiungerla alle zucchine. Continuare la cottura per qualche minuto, unendo anche la crema d’uova e il bacon (precedentemente scaldato in una padella).
Servire con una spolverata di prezzemolo.

IMPORTANTE: Non esagerare con i quantitativi! La carbonara non è un piatto famoso per essere leggero e Playboy declina ogni responsabilità nel caso in cui per il dopocena foste un pochino troppo appesantiti!

Il giorno dopo ricordatevi inoltre di fare come Belen…andate in palestra!

A testa alta in palestra!!!! Sono tornata!!!!! 😜😜😜😜 #pianopianosivalontano

Una foto pubblicata da María Belén Rodriguez (@belenrodriguezreal) in data:

 

Carbonara per tutti!!!!! #wladomenica 🍝🍝🍝 #cibo #film #divano #pijama #family

Una foto pubblicata da María Belén Rodriguez (@belenrodriguezreal) in data:

Previous post

Donne e calcio: quando la domenica sportiva diventa sexy.

Next post

Venezia 2015: Valeria Golino e l'intramontabile successo