VIAGGI

Due cuori e un igloo nella splendida Innsbruck

A San Valentino il sogno diventa realtà. Tra i ghiacci di Innsbruck, ecco il romantico Iglù Village di Kühtai.

A Innsbruck, in Austria è possibile passare una romantica notte nei palazzi di ghiaccio dell’Iglù Village di Kuhtai.
Sarà sicuramente un San Valentino indimenticabile. L’Iglù Village di Kühtai ospita gli innamorati che per la loro festa vogliono dedicarsi una vacanza indimenticabile, nella località sciistica più alta d’Austria, poco lontano dalla Capitale delle Alpi, Innsbruck.

Una calda notte di ghiaccio
Molto romantica è la “notte nel ghiaccio” per due. Nell’esclusivo igloo per due persone, il pernottamento comprende una splendida cena con fonduta di formaggio, una prima colazione astriaca e una bottiglia di Prosecco. Si possono inoltre prenotare divertenti programmi quali l’escursione con le racchette da neve o la slittata in notturna, compresa una piacevole sosta gastronomica in baita. Oppure ci si può iscrivere a un insolito corso di costruzione di igloo: 6 ore di teoria e pratica per riuscire a realizzare una casa di ghiaccio!

Innsbruck_Kuhtai_Iglu Village_iglu per San Valentino

Iglù Village di Kühtai
14 palazzi di ghiaccio immersi in un immacolato paesaggio innevato a 2.000 metri di quota. L’Iglù Village di Kühtai è aperto fino alla fine di aprile 2016, può ospitare chiunque voglia provare l’esperienza di una vacanza tra i ghiacci. Il divertimento è assicurato: si pernotta nell’igloo a 4 posti su un letto ad aria con morbido rivestimento in pelle di pecora e sacco a pelo invernale. Sono compresi l’accoglienza con grappino e passeggiata attraverso l’Iglù Village, una cena nella comoda area dining e abbondante prima colazione al caldo.
L’Iglù Village è semplice da raggiungere: si può arrivare direttamente in macchina per poi lasciarla e godersi un’esperienza tra i ghiacci confortevole e divertente.

San Valentino nell’igloo per due, da 159,50 euro a persona.

Info: www.innsbruck.info, www.iglu-village.at.

Previous post

Fiorella Mattheis. PAThOs

Next post

Mary Carey. Voglia di brindare.